1. Home
  2. /
  3. Urologia
  4. /
  5. FerProst®Fast

FerProst®Fast

30 stick-pack orosolubili - Senza Glutine
 24,90  18,90

Disponibilità: Disponibile

Punti fedeltà: 18 (valore:  0,45)
Quantità:

La prostata è una ghiandola dell’apparato genitale maschile, è posizionata sotto alla vescica e avvolge l’uretra, il piccolo canale deputato al trasporto dell’urina.
La prostata ha il compito principale di produrre e immagazzinare il liquido seminale rilasciato durante l’eiaculazione. Il liquido seminale contiene gli elementi necessari a nutrire e veicolare gli spermatozoi.
La ghiandola prostatica può essere soggetta, col passar del tempo, a disturbi di vario genere, tra questi i più comuni sono: l’ipertrofia prostatica benigna (IPB) e l’infiammazione, chiamata anche prostatite.

L’ipertrofia prostatica benigna (IPB) è una condizione caratterizzata dall’aumento di volume della prostata, che comporta una tipica sintomatologia con disturbi della minzione.
L’ingrossamento della ghiandola prostatica è legato ad un aumento del numero di cellule prostatiche e alla formazione di noduli.
I principali fattori associati alla IPB sono l’invecchiamento e i cambiamenti ormonali nell’età adulta.
L’ingrossamento della ghiandola prostatica porta a due tipi di sintomi: quelli urinari di tipo ostruttivo e quelli di tipo irritativo.
Sintomi di tipo ostruttivo: la compressione sul canale uretrale ostacola la minzione, per cui si avverte difficoltà a iniziare la minzione, intermittenza di emissione del flusso, incompleto svuotamento della vescica, flusso urinario debole e sforzo nella minzione.
Sintomi di tipo irritativo: aumento della frequenza nell’urinare, in particolare un aumentato bisogno durante la notte, la necessità di svuotare spesso la vescica e bruciore durante la fuoriuscita dell’urina.

Per prostatite si intende qualsiasi forma di infiammazione della prostata, è una patologia molto comune che può causare sintomi fastidiosi e che, se non si esegue una diagnosi tempestiva e non si instaura un trattamento mirato, può cronicizzarsi.
I sintomi possono essere di varia natura, ad esempio: dolore all’area pelvica, dolore allo scroto o alla parte bassa della schiena, disturbi urinari, eiaculazione e/o defecazione dolorose.
La classificazione delle prostatiti si basa sui principi diagnostici di laboratorio e si può riassumere in:
• prostatite batterica acuta (tipo I)
• prostatite batterica cronica (tipo II)
• prostatite non batterica (prostatodinia) e sindrome da dolore pelvico cronico (tipo III)
• prostatite infiammatoria asintomatica (tipo IV)
La prostatite batterica (acuta o cronica) è una infiammazione della ghiandola prostatica causata da un’infezione batterica.
La prostatite non batterica, già nota come prostatodinia, comprende anche la sindrome da dolore pelvico cronico, è la più comune forma di prostatite e presenta un’infiammazione della prostata in cui non è possibile riconoscere una causa batterica.
La prostatite infiammatoria asintomatica è caratterizzata dall’assenza di sintomi, ma dalla presenza di segni di infiammazione, sia nello sperma sia nell’urina, che vengono rilevati casualmente in occasione di esami eseguiti per altre motivazioni.

Lo specialista saprà riconoscere e valutare la causa del problema e prescrivere quindi la terapia più appropriata.

Urologia

Spedizione GRATUITA per ordini superiori a € 59,90

Viale Palmiro Togliatti 111 – 50059 Vinci (FI)

/ Address

Menu