1. Home
  2. /
  3. Ginecologia
  4. /
  5. Cistite interstiziale: le cause e i sintomi principali

Cistite interstiziale: le cause e i sintomi principali

/ In : Ginecologia

Con il termine cistite interstiziale si fa riferimento ad una condizione di infiammazione non infettiva della vescica. Definita come malattia cronica, si manifesta in maniera asintomatica per poi causare, nel corso degli anni, dolori acuti alla vescica di varie intensità.

Tale malattia non ha nulla a che vedere con la più famosa cistite batterica, causata dall’assunzione di farmaci o prodotti non adeguati all’igiene intima.

Oggi, sono soprattutto le donne i soggetti più a rischio a contrarre questo tipo di malattia e la sua incidenza aumenta con l’età, con le gravidanze, e soprattutto con il sopraggiungere della menopausa.

Le cause principali della cistite interstiziale

Non è ancora stato possibile ricondurre una causa scatenante alla cistite interstiziale.

Diversamente dalla cistite batterica, questa tipologia di cistite non deriva da infezioni provenienti da agenti patogeni, ma da sostanze tossiche che portano la vescica ad una continua irritazione interna.

I sintomi principali sono:

  • Dolore a livello pelvico
  • Bisogno persistente di urinare
  • Minzione frequente (fino a 60 volte nelle 24 ore)
  • Malessere o dolore durante il riempimento della vescica

Alcune delle cause principali possono essere:

Anche gli alimenti possono portare ad un peggioramento dei sintomi di questa tipologia di cistite, infatti si può aggravare con l’assunzione di alcuni cibi come gli agrumi, la caffeina, i pomodori, i latticini e i cibi piccanti. Anche fumo e alcol vanno messi al bando.

I rimedi contro la cistite interstiziale

Oggi, per questo tipo di disturbo non esiste una cura precisa, ma i sintomi possono essere alleviati assumendomedicinali analgesici e modificando alimentazione e stile di vita. Il 90% delle persone affette da tale malattia migliora con alcuni trattamenti specifici, come per esempio praticando ginnastica vescicale o addirittura la chirurgia.

La testimonianza di Francesca Neri

E’ di questi giorni la notizia che la famosa attrice Francesca Neri soffre di questo disturbo.E’ proprio lei ad affermare: “non si guarisce dalla cistite interstiziale: impari a gestirla e a non provocarla in modo che non sia invalidante”. L’artista, da anni, convive con questa malattia che molte volte è diventata un grande handicap per lei, per la sua vita, per il suo lavoro e per la sua famiglia. Oggi racconta nel magazine di Vanity Fair che, dopo ben tre anni dalla sua fase acuta, ha cominciato a cambiare tante abitudini per stare finalmente meglio.

4 Commenti. Nuovo commento

  • Buonasera io sono anni che soffro di cistite dopo il rapporto.

    Rispondi
    • Leonardo Medica
      20 Ottobre 2021 11:44

      Ciao Rosa, per prima cosa ti consigliamo di rivolgerti in primis al tuo medico. Inoltre, se può interessarti Cis400, il nostro integratore naturale a base di D-Mannosio, estratti di Mirtillo Rosso e Pompelmo, trova applicazione nel prevenire le recidive di cistite.

      Rispondi
  • Buonasera, dà un paio di anni soffro infezione vaginale, sto facendo le cure ma niente di che ho fatto le visite mediche ginecologo ancora niente passa per un po’e poi torna ancora, non so cosa fare di più mi sta portando un po’di stress questa cosa perché non c’è la faccio più) . Anche prima di venire il ciclo mestruale soffro tantissimo mal di testa dà una settimana prima mail di schiena comunque diciamo tutto il corpo soprattutto la testa che non là sopporto più 😭. Famme tanto famme gonfiore della pancia aumento del peso nervosa e comunque tanto sofferenza

    Rispondi
    • Ciao Alma, grazie per la sua testimonianza…
      Oggi, purtroppo, per questo tipo di disturbo non esiste una cura precisa, ma i sintomi possono essere alleviati modificando alimentazione e stile di vita. La maggior parte delle persone affette da tale malattia migliora con alcuni trattamenti specifici, come per esempio praticando ginnastica vescicale o addirittura la chirurgia. Le consigliamo comunque di consultare il suo medico per il suo caso specifico.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

ULTIMI POST

Prodotti più venduti

Prodotti più votati